Brunitura con doppio bagno

BRUNITURA: IL PROCESSO E LE CARATTERISTICHE

Il nostro processo di brunitura viene eseguito con la tecnica del doppio bagno, secondo DIN 50938 classe B; questa tecnica consente di ottenere su tutti i materiali ferrosi la massima intensità di colorazione. Se necessario può essere effettuata anche secondo la classe C oppure D a 3 oppure 4 bagni.
La brunitura consiste essenzialmente nella formazione di uno strato di ossido di ferro nero.

Brunitura con doppio bagno

L’impianto di brunitura

Le caratteristiche tipiche sono:

  • Aspetto nero brillante che valorizza il pezzo meccanico
  • Assenza di variazioni dimensionali anche su pezzi di precisione
  • Ottima tenuta alla corrosione in ambiente coperto
  • Strato resistente alle alte temperature
  • Molto competitivo rispetto ad altri processi superficiali

I MATERIALI TRATTABILI

Possono essere trattate tutte le leghe ferrose. Con questo processo , non possono essere trattati gli acciai inossidabili, per i quali servono bagni speciali. Le ghise tendono ad assumere una colorazione rossiccia, che può essere convertita al nero con tecniche particolari.

LE PROTEZIONI FINALI

Alla fine del processo di brunitura, i pezzi vengono accuratamente lavati, controllati e, se il controllo intermedio lo richiede, subiscono un lavaggio supplementare di fori ciechi, sottosquadri ecc.. prima della protezione finale. Il lavaggio supplementare è particolarmente importante, poiché evita la successiva fuoriuscita di sali che danneggerebbero le superfici trattate.

La protezione finale consiste nella immersione in un fluido protettivo di elevate caratteristiche protettive. Non sono convenienti altri tipi di protezione.

E’ l’effetto sinergico tra lo strato di ossido ed il fluido protettivo, che determina il bell’ aspetto e la tenuta alla corrosione.

Traverse brunite

Traverse brunite

NOTE PARTICOLARI

I pezzi bruniti devono sempre essere montati con il loro fluido protettivo.
Se è necessario lavare per il montaggio, usare sempre detersivi neutri, per non intaccare lo strato di ossido. Dopo montaggio oliare con un protettivo di buona qualità.

TENUTA ALLA CORROSIONE

La tecnica del doppio bagno garantisce già resistenze superiori dello strato. La resistenza a corrosione è però soprattutto determinata da uno speciale protettivo-sigillante organico con elevate capacità protettive. Le normative prevedono per pezzi bruniti il test di corrosione in camera umida. Con il nostro processo, il pezzo oliato può essere testato in nebbia salina neutra.

PARTICOLARI TRATTABILI

Trattiamo principalmente particolari meccanici in piccola, media e grande serie.

Alberi, boccole, pulegge, pignoni dentati, supporti, flange, piastre, guide, rulli, inserti,… per industria tessile, macchine utensili, macchine per confezionamento, macchine automatiche, oleodinamica ecc…

I commenti sono disattivati